DIGESTIONI #35

Eccoci tornati alle nostre segnalazioni settimanali. Un sacco di piacevoli novità.

Amatoriale Italia” è il titolo del nuovo disco dei Luminal. Un album al quale non si può approcciare con leggerezza, perchè imbocca una strada senza ritorno verso una violenza verbale e sonora oltre gli schemi, fuori dalle etichette. Gonfi di cinismo, sarcasmo e livore, i dodici brani fotografano con disincanto e risentimento questo Paese e i suoi abitanti, senza alcuna compassione.  Alla fine è come aver preso in faccia una gragnuola di pugni.
Un disco estremo e definitivo, coraggioso e forte, che lascia dentro qualcosa di indelebile.
Si può ascoltare in streaming qui

Arriva il 20 maggio il nuovo lavoro dei Runa Raido, “Il primo grande caldo“. Curato nei dettagli e intenso nei testi, è un disco delicato e multiforme che trasmette tutta l’urgenza espressiva di questi ragazzi.
Sei canzoni che costituiscono un racconto unico,  narrato con sensibilità attraverso sonorità seducenti, capaci di evocare i ricordi, le emozioni, le passioni, le sensazioni che questi brani contengono e trattengono.
Un viaggio dentro una vita, dentro tante vite, sintetizzato nella copertina, curata da Ivana Marrone, che raccoglie con un immagine  tutta la forza che questo disco sprigiona, forse meglio di tante parole.
Il singolo “Il grande caldo” è in esclusiva su Rock e i suoi fratelli e si può ascoltare qui

Le Maschere di Clara hanno realizzato il videoclip del brano  “A sè stesso” tratto dall’album “L’alveare”, di cui abbiamo parlato qui.
Talenti da non sottovalutare per niente al mondo.

Tornano i Vandemars ed è un piacere accoglierli su queste pagine virtuali.
Back to Mars” è un album ibrido dentro il quale ci sono diversi brani live e  alcuni intriganti remix del precedente “Blaze”.
La nuova veste dei pezzi non teme il confronto con gli originali e talvolta arricchisce canzoni già di per sè molto valide.
Del resto, buon sangue non mente quasi mai.
“Back to Mars” si può ascoltare qui

E’ uscito il nuovo disco degli Ofeliadorme e si chiama “Bloodroot“. Dentro ci abbiamo trovato emozioni liquide e sognanti rinchiuse in nove canzoni, che oscillano ondivaghe dentro i sogni dell’ascoltatore.
Malinconico e sensuale, “Bloodroot” è un disco dominato da una grande armonia, che sa imprimere il proprio carattere deciso con morbida serenità.

Tempo di video anche per Diego Nota e la sua “Anarchia Cordis” che dà il titolo al suo esordio solista.

Serata rock al femminile questa sera al Circolo degli Artisti. Suona Beatrice Antolini, apre Ilenia Volpe.
Non è roba da poco se ci pensate.

Preghiamo.